The city of children – I figli della crisi

city-of-children620x200

L’assenza dalle sfere blogghiche, a parte qualche capatina serale per rispondere ai commenti, come annunciato era dovuta alla mia presenza in giuria all’Europacinema di Viareggio. Una settimana di full immersion con tre film al giorno, e infatti vi voglio parlare proprio di un film che era in concorso, ma che oimé probabilmente nessuno avrà mai modo di vedere in quanto dubito che sarà distribuito in Italia.

Il film è greco, e si chiama “The City Of Children“, la città dei bambini. E’ diretto dall’esordiente Giorgos Gikapeppas, e riflette tutta la sofferenza di una nazione sull’orlo del baratro.

Il film incocia le storie di quattro donne, o forse non solo di donne, di famiglie, o forse, ancora meglio, le storie di quattro bambini che devono ancora venire al mondo. Ma il mondo è loro già ostile e lo sentono, questi bambini, in una città, Atene, spersonalizzata ma presente, coi suoi tetti, i suoi cieli, i suoi rumori.

Quattro storie, molto diverse tra loro ma ugualmente commoventi e riflessive. Da una parte due famiglie borghesi, benestanti, le uniche che si potrebbero permettere un figlio, le uniche che per un motivo o per un altro non riusciranno ad averlo; dall’altra, due storie di solitudine e gioventù: una ragazza iraniana chiusa nel suo appartamento, sola col suo nascituro, e una coppia assolutamente instabile, che necessiterà di un evento drammatico per decidersi a incollarsi, e dare vita al figlio che aspettano.

Un film crudele, vero, quasi cattivo. In un costante sottofondo di radio o di tv che trasmette notizie circa la crisi economica (in questo senso mi ha ricordato molto il sottofondo del thriller Cogan-Killing them Softly), il modo drammatico in cui questi personaggi reagiscono ad un avvenimento felice come l’arrivo di un figlio la dice lunga sulla felicità vigente nella nostra società: una felicità data solo dai soldi, dai divertimenti (il ragazzo incollato alla consolle del videogioco), dalle auto costose. Ma tutto ciò andrà perduto, in un climax ascendente di drammaticità: il lavoro del padre di famiglia sarà perso, le auto costose saranno rubate, alcune vite saranno spezzate. A ritrovare un’essenzialità ormai non più presente  in una società che gode della nostra instabilità emotiva, l’incapacità di assestarsi e di prendere decisioni, la nostra sindrome di peter pan sempre più acuta; essenzialità che si ritrova solo nel nucleo familiare, in quello del più stretto legame madre-figlio, quello della ragazza iraniana: non è un caso infatti che quello sia l’unico bambino a vedere veramente la luce, l’unico che nonostante le difficoltà, forse le più eccentuate delle altre tre storie, lotta fino in fondo per nascere, ed è questo il grande messaggio di speranza che questo film ci lascia: si può vivere ed essere felici se si ritrova l’autenticità del condividere senza avidità, senza cattiveria, senza paura per il futuro, per quanto incerto esso sia.

Spero veramente che questo fantastico film esca nelle sale o in dvd in Italia, ma ne dubito. Ad ogni modo vi lascio il trailer, se ho delle nuove circa il suo reperimento anche in streaming ve lo farò sapere immediatamente.

A presto, devo comunicare anche una nuova bella novità ma aspetto il prossimo post 😉

Annunci

3 thoughts on “The city of children – I figli della crisi

  1. Non conosco l’inglese mannaggia ma il tuo commento è esaustivo … speriamo veramente che esca …. è triste che ci sia spessore in registi che non trovano chi investe in loro … e quello che passa il convento ti fa credere che le idee e la fantasia siano morte … sto estremizzando ma penso che mi intendi … ciao ti leggo sempre volentieri 🙂

    • Sì ho capito che vuoi dire… il problema è la distribuzione italiana, forse in grecia avrà pure seguito il film, non lo so… spero di trovarlo in qualche modo….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...